Katia Morello – Presidente

Al conseguimento della Laurea in Relazioni Internazionali e Diplomatiche presso l’Università L’Orientale di Napoli, prosegue il suo percorso di studi all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove si specializza in Politiche europee ed internazionali. Dopo il master in Diplomazia all’Istituto per gli studi di politica internazionale, si trasferisce a Parigi come Young Professional alla Delegazione della Santa Sede presso l’UNESCO, dove si occupa del monitoraggio dei settori dell’Educazione e della Cultura, delle Conferenze Generali dell’UNESCO 2015 e 2017, dell’organizzazione dei convegni internazionali sull’Educazione (2015), sull’Ecologia (2016) e sul Ravvicinamento delle culture (2017).

Dal febbraio 2018, lavora per l’Ordine Ospedaliero San Giovanni di Dio “Fatebenefratelli” dove si occupa di gestione di progetti trasversali e da novembre 2020 è incaricata del coordinamento europeo.
Molto interessata ai temi dello sviluppo, ha partecipato all’implementazione di progetti di cooperazione internazionale in ambito di protezione dell’infanzia in Brasile, Colombia e empowerment delle donne in India.
Ama la lettura, i viaggi e si sente una cittadina europea.
Membro del bureau del DIRE perché crede fortemente nella capacità delle donne di essere portatrici attive di cambiamento nella nostra società.

Valeria Pettorino

Valeria Pettorino – Vice Presidente

Astrofisica e data scientist, ho scelto di studiare l’Universo perché era il soggetto di studi più vasto al quale potessi pensare. Dottorata in fisica a Napoli nel 2005, ho lavorato in Italia, Spagna, Germania (Group Leader e Alexander von Humboldt Fellow), Svizzera (Marie Curie Fellow), USA. Dal 2016 sono Ingénieure Chercheuse a Parigi presso il CEA nel Laboratorio CosmoStat, che unisce cosmologia, statistica e applicazioni di intelligenza artificiale. Lavoro nell’ambito di missioni spaziali internazionali, in genere in ruoli di coordinamento tra persone con competenze diverse: dopo aver contribuito ad ESA Planck dal 2009 al 2020, attualmente coordino la inter-science taskforce per la missione spaziale ESA Euclid. Dal 2019 sono presidente del PNCG.
Sono sempre stata incuriosita da un contesto interdisciplinare, che mi consentisse di contribuire attivamente in altri ambiti: dalla diplomazia scientifica (membro del Science Policy Work Group MCAA e Alumna del training S4D4C in Science Diplomacy), alla comunicazione, all’analisi dati in altri settori (alumna del programma Science to Data Science, ho lavorato per un progetto sulla salute, tramite tecniche di intelligenza artificiale). Ho fatto parte del Board della EuroPython Society nel 2019, che promuove l’utilizzo del linguaggio di programmazione python nell’università e nell’industria. Sono molto attiva nella valorizzazione delle donne nella ricerca scientifica e nel gruppo di coordinamento della Supernova Foundation, una rete di mentoring, nell’ambito delle scienze fisiche.
Nel corso degli anni, di città in città, ho ballato tango, swing, studiato recitazione, scritto racconti per una compagnia di scrittura creativa. Grazie al DIRE ho conosciuto donne che si sono messe in gioco e hanno portato avanti le loro idee, a volte cambiando radicalmente strada rispetto al loro percorso di formazione. Mi fa piacere quindi dare il mio contributo per sostenere questa iniziativa.

Cetty Rossitto Pascoli – Segretaria

Dopo aver conseguito tutti gli studi a Roma, un Master in Marketing e Comunicazione, inizia a lavorare nel gruppo Danone e poi per uno studio di Revisione Contabile.
In seguito, incontra il mondo delle Fondazioni e svolge la maggior parte del suo lavoro, per più di 10 anni, nella Fondazione De Gasperi a Roma. Durante questi anni ha ricoperti diversi ruoli nella Segreteria di Presidenza ed è stata Responsabile delle attività scientifiche anche in partnership con Fondazioni internazionali; Responsabile delle relazioni con il CES-Centre For European Studies del Partito Popolare Europeo.
Ha fatto parte della segreteria tecnica del Ministro degli Interni occupandosi dell’ufficio stampa.
Arrivata a Parigi per motivi personali, ha avuto l’opportunità di dare il suo contributo al Consolato Generale d’Italia, facendo parte della task force per le elezioni europee 2019 e per il Referendum del 2020.
È una degli autori del libro “L’Italia del Pére Lachaise – Vies extraordinaires des Italiens de France et des Français d’Italie” edito da Skira.
I diversi percorsi professionali
La diversità di ruoli ricoperti rispecchia la mia voglia di apprendere, conoscere e fare cose nuove.
Sostenitrice del potere della condivisione, soprattutto tra Donne, ha trovato nel DIRE donne che sono state fonte di grande ispirazione.

Federica Del Fiume – Tesoriera

Laureata in International Management con doppio titol di laurea tra Berlino e Roma, arriva a Parigi
nal 2017 per un opportunità di lavoro nel settore dell’automotive, la sua passione di sempre, presso
Nissan Europe sas. Da allora ha avuto esperieze nell’ambito della gestione di controllo per poi passare al marketing di
prodotto. Crede fortemente nelle attività associative e soprattutto nella leadership femminile, avendo avuto
esperienze come Vice President Finance in AIESEC – associazione di leadership riconosciuta a livello
internazionale.

Il motto che mi accompagna da sempre è una frase di Rita Levi-Montalcini “Le donne hanno sempre
dovuto lottare doppiamente. Hanno sempre dovuto portare due pesi, quello privato e quello sociale.
Le donne sono la colonna vertebrale delle società.”

Carmen Amato

Avvocato e dottore di ricerca in diritto del lavoro, ha conseguito con il massimo dei voti un master in diritto europeo del lavoro e la laurea in giurisprudenza con tesi sui divieti di discriminazione sul lavoro presso l’università Federico II di Napoli.
Il percorso di studi e ricerca si caratterizza per le molteplici pubblicazioni su riviste giuridiche dedicate al tema della lotta alla diseguaglianza salariale uomo-donna.
Professionalmente è cresciuta nel mondo dell’associazionismo sindacale (Confindustria) arrivando poi ad occupare il ruolo di referente unica per le relazioni industriali presso la multinazionale del settore dei servizi sanitari ‘Servizi Italia Spa’.
Giunta a Parigi per vicende personali, è attualmente collaboratrice legale della Ital Uil Francia per la quale ha scritto e organizzato una conferenza presso l’Istituto di Cultura Italiana sulla comparazione Italia Francia circa le pari opportunità salariali.

Francesca Bologna

Laureata in giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Padova, titolare di un master in diritto internazionale ed europeo e di un dottorato di ricerca in diritto internazionale in cotutela presso l’Università di Padova e l’Università Panthéon Assas (Paris), è avvocato iscritto all’albo degli avvocati sia in Italia che in Francia.
Dopo alcune esperienze professionali a Bruxelles e all’Aja in organizzazioni internazionali, Francesca ha sviluppato la propria attività professionale in studi legali internazionali a Milano ed a Parigi, ed è attualmente partner dello studio legale internazionale LegisLab, con sede in Francia ed in Italia, ed incaricata della direzione del dipartimento franco-italiano.
È esperta in diritto societario ed in diritto internazionale ed accompagna da oltre 15 anni le imprese assistendole nello sviluppo della loro strategia legale in ambito nazionale ed internazionale.
È autrice di pubblicazioni in materie giuridiche e di articoli giuridici, professore in seminari giuridici (Università degli Studi di Urbino) e membro invitato in convegni internazionali in Italia ed all’estero.
È la presidente dell’Association des avocats italiens en France e membro del réseau Trans Europe experts e dell’associazione professional women network.
È convinta che il supporto tra donne e la condivisione di esperienze siano uno degli elementi fondamentali della crescita e dell’armonizzazione della società.

Barbara Masetta Saitta

Si dedica dal 2014 all’Interior Design, sviluppando l’attività dell’Agenzia LIBellule da lei creata, che si propone di ripensare e migliorare l’aspetto e la funzionalità di uno spazio, abitativo, lavorativo o commerciale. Quest’attività professionale si è concretizzata dopo tanti anni trascorsi in un ambiente lavorativo apparentemente molto diverso e distante, quello della ricerca scientifica fondamentale. Biologa di formazione, ha svolto attività di ricerca nel laboratorio di Ematologia e Oncologia dell’Istituto Superiore di Sanità a Roma, dal 1991 al 2007, e al Kimmel Cancer Center della Thomas Jefferson University of Philadelphia (USA), dal 1998 al 2000. Durante questo periodo si è dedicata allo studio sulle cellule staminali pluripotenti di origine adulta e embrionale, che hanno portato alla pubblicazione di articoli su prestigiose riviste internazionali (Science, PNAS, Cancer Research, Blood, Journal of Clinical Investigation, Biochemical Journal, Oncogene, etc..)
Dal suo trasferimento definitivo in Francia, nel 2007 e fino al 2011, ha lavorato in una Start-up Biotech, la Endotis-Pharma. A partire dal 2012 opera una transizione di carriera che la porta, nel 2014 a fondare l’Agence LIBellule.
L’evoluzione atipica di questo percorso professionale è caratterizzato da una passione verso l’arte e la decorazione, ma anche verso la natura, la biofilia ed il biomimetismo, come perenne fonte d’ispirazione, in sinergismo col background scientifico. Ne risultano uno spirito dinamico, un senso pratico molto forte ed una grande capacità relazionale e di lavoro in equipe, in un contesto internazionale, multilingue e multiculturale.

Sara Sesia

Sono una psicologa clinica con una formazione anche in Gestione delle Risorse Umane e Formazione Adulti. Da anni nel mio studio ricevo bambini, coppie, famiglie anche in espatrio, e le accompagno verso cambiamenti e riflessioni condivise, alla ricerca di un nuovo benessere.
Collaboro come C.T.U. per il Tribunale in ambito minorile, mi occupo di letteratura per La Domenica de IL Sole 24 e sono presidente dell’associazione culturale italo francese pourparler (www.pourparler.org). Il mio interesse per l’associazione D.I.R.E. nasce dalla riflessione intorno all’importanza del tessere tele immaginarie di relazioni, di scambio di buone prassi e di solidarietà tra noi donne, “Penelopi” di questo mondo. Credo fortemente che D.I.R.E. possa essere un grande telaio su cui noi donne possiamo imbastire nuove trame di consapevolezza, rispetto, solidarietà, innovazione e creatività.

Menu